L’analista che ha chiamato il più grande problema di crash di Bitcoin Crypto Warning – Ecco quando la prossima corsa dei tori può finalmente arrivare

Peter Brandt, noto per aver previsto il più grande crollo del mercato di Bitcoin (BTC) in termini di valore del dollaro USA nel gennaio del 2018, avverte che gli investitori di crypto stanno affrontando una brusca scossa in avanti.

In una nuova intervista su Crypto Markets Live

In una nuova intervista su Crypto Markets Live, il veterano del trading dice che è facile pensare che Bitcoin sia maturo per un grande rally in mezzo alle attuali turbolenze economiche globali, ma crede che BTC farà il contrario e subirà una grande mossa verso il lato negativo.

„La narrazione in questo momento è tale che sembra che sarebbe facile dire che sto comprando Bitcoin. Abbiamo un virus globale in corso. Abbiamo un’espansione fiat come mai prima d’ora, e questa è una narrazione che la gente userebbe per dire che sono costruttivi per Bitcoin, questa è la ragione per possedere Bitcoin. Eppure la Bitcoin è solo una specie di culla per far dormire la gente…

Cerco sempre di pensare tra me e me qual è il gioco più facile? Qual è la cosa più facile da credere? Penso che la cosa più facile da credere per i noobs sia che io possiederò Bitcoin Code qui, ed è fantastico da comprare, e andremo sulla luna, e non c’è nessun rischio da possedere qui, e lo comprerò qui, e sarà a un milione di dollari prima che tu te ne accorga. I mercati non lo rendono così facile. I mercati mostrano sempre qualche palla curva, e penso che sia troppo facile pensare che la Bitcoin debba essere posseduta qui, ed è solo questione di giorni o settimane prima che ci sia un’esplosione dei prezzi al rialzo.

Quindi sto cercando di capire da dove viene questa sorpresa, e penso che personalmente la sorpresa sia che vediamo uno scossone nel Bitcoin. Questa non è una previsione, ma sto cercando di pensare attraverso la psicologia del mercato, che è che abbiamo una brusca rottura in Bitcoin forse di nuovo a $7,000-$7,500″.

Brandt dice che si aspetta che un ultimo ritiro di Bitcoin

Brandt dice che si aspetta che un ultimo ritiro di Bitcoin costringerà gli ultimi trader che non hanno fiducia nella principale crittovaluta a vendere, aprendo la strada ad un rally a lungo termine.

„La gente è davvero entusiasta degli allarmi ora. Ci sono grandi allarmi che si muovono e la gente sta pensando: „Il prossimo sarà Bitcoin“.

Abbiamo un ottimo posto negli alts, e all’improvviso, alla luce di questo, abbiamo ottenuto uno shakeout in Bitcoin. Questo metterà a dura prova la pazienza della gente.

Siamo a 31 mesi dall’apice. Sono passati 31 mesi da quando la Bitcoin ha raggiunto il massimo, e ora è sufficiente per sfinire la gente. Sapete, se facciamo uno shakeout qui, credo che scuotiamo l’albero, e probabilmente ci sbarazziamo di tutta la gente che parlava di andare sulla luna nel dicembre del 2017. Finalmente rinunceranno alla nave.

In fondo alla mia mente, sto pensando a quale sarà la sorpresa. Penso che la sorpresa sarebbe una grande scossa: 7.000 dollari, 7.500 dollari. Accendere un centesimo proprio come abbiamo fatto a marzo, e poi far salire il mercato a 12.000 dollari“.

Se si profila all’orizzonte un crollo di Bitcoin, Brandt dice che la prima volta che BTC si riprenderà e inizierà una tendenza al rialzo a lungo termine è a metà settembre.